Fotografi che dovresti conoscere: Gain Paolo Barbieri

Dopo Roversi dedichiamo spazio a un altro grande nome della fotografia italiana Gian Paolo Barbieri

Negli ultimi anni gli sono state dedicate numerose mostre e credo si possa affermare che nessun fotografo di moda italiano è stato celebrato con tanta varietà espositiva.

 Nel 1964 apre a Milano il suo primo studio fotografico, dove comincia a lavorare nella moda scattando semplici campionari e pubblicando servizi fotografici su Novità, la rivista che in seguito, nel 1966, diventerà Vogue Italia.
Da qu inizia una grande storia di foto di moda eleganti e raffinate

Parlando di lui, Yves Saint Laurent ha affermato che:

“Gian Paolo Barbieri attraversa l’eleganza sontuosa dei suoi ritratti femminili e delle scene dei quartieri poveri con la stessa anima, lo stesso amore. Un segreto che non appartiene che a lui. Nutro per Gian Paolo una profonda ammirazione, perché lo ritengo un fotografo sensibile, umano e capace di dignitosa partecipazione emotiva”.

Negli anni 90 viaggia in paesi lontani creando lavori fotografici estremamente belli e aderenti al suo stile che fa sembrare tutto quasi perfetto e magico.
Gli scatti non perdono nulla rispetto a quelli classici fatti in studio e rivelano una forza espressiva incredibile.
Questo corpo di immagini dedicato scattato in luoghi come la Polinesia e il Madagascar che creeranno una trilogia di libri sui Tropici

I nudi di questa trilogia non resero completamente soddisfatto il fotografo che volle spingersi più in la, raccontando il corpo umano senza volgarità, ma anche senza vergogna.
Nasce Dark Memories un esplorazione di ciò che tendiamo a nascondere.
Lo fa in modo diretto, ma pur sempre elegante con luci e contrasti studiati nel dettaglio

Considerato uno dei migliori fotografi di moda al mondo, vince il premio Lucie Award 2018 come Miglior Fotografo di Moda Internazionale.

Barbieri continua tutt’oggi ad essere richiesto come fotografo e artista per campagne pubblicitarie e redazionali oltre ad avere dedicate numerose mostre in tutto il mondo.

Comments (0)

Leave a comment

Your email address will not be published.